biografia

Il suo Amoreango suonato in prima mondiale nella chisura del Festival Argerich di Lugano 2016 è stato scelto dalla Warner Classics per il cofanetto della BSI

E’ stato nominato nel 2015 Direttore Musicale per la Settimana Argerich nell’apertura del Centro Culturale Kirchner a Buenos Aires.
Ha suonato in prima mondiale “Porteña” (Luis Bacalov) con Martha Argerich, sotto la direzione di Alexander Vedernikov e l’Orchestra Sinfonica della Svizzera Italiana per il Progetto Argerich di Lugano del 2015 e in luglio si suonò a Buenos Aires nel Centro Culturale Kirchner con la Orchestra Sinfonica Nacional sotto la direzione dell’autore.

Pianista, compositore, pedagogo, ricercatore e direttore d’orchestra, Eduardo Hubert si è fatto conoscere anche per il suo talento come organizzatore di Festival ed Eventi particolari ad esempio : Martha Argerich and Friends nel 2000, coordinatore artistico del Festival Argerich in Buenos Aires, Argentina, dal 2001 al 2005, e direttore artistico del Festival “Progetto Cenacolo” di Francavilla al mare (CH), manifestazione premiata nell’anno 1998 dal Presidente della Repubblica Italiana, O. L. Scalfaro.
Nato a Buenos Aires, Argentina, finisce gli studi di pianoforte in Conservatorio con Antonio De Raco e riceve lezioni e consigli da Vincenzo Scaramuzza. Ottiene parallelamente la laurea in Ingegneria nell’Università di Buenos Aires. In Italia dal 1974 studia pianoforte con Fausto Zadra, Carlo Zecchi e Guido Agosti.
Studia Composizione di Musica Elettronica al Conservatorio di S. Cecilia di Roma sotto la guida di Franco Evangelisti e analisi di partiture con Gino Marinuzzi jr.
Frequenta i corsi di Direzione d’Orchestra con Franco Ferrara e con Leonard Bernstein.
Ha ottenuto la “Licence de Concert” al Conservatorio di Lausanne nel 1979.
Dirige e suona sia da solo che in formazioni da camera insieme a nomi come Martha Argerich, Luis Bacalov, Jury Bashmet, Ivry Gitlis, Daniel Grosgurin, Wofgang Meyer,  Janos Balint, Dora Schwarzberg,Michael Guttman, ecc. per i Festival di Lugano, Beppu, Buenos Aires , Baku (Festival Rostropovic), Roque d’Antheron, Sorrento, Ravello, Cortina d’Ampezzo (Festival Ciani), Kroenberg (Cello Festival), Roma (Primavera di Roma), Festival de Pollença (Mallorca), Bochum (Ruhr Festival), ecc.
Collaborò con la “Biennale di Venezia” Musica-Cinema per la ricerca Suono-Immagine nel 1980 e con il terzo programma della RAI nel ’90 per una serie di puntate autobiografiche chiamate “ Malambo “.

Nel 1992 si esegue in prima mondiale il suo Concerto per sax e orchestra “Por las Americas” nel Teatro Rossini di Pesaro, solista A. Domizi.
Scrive delle colonne sonore per il teatro collaborando con diversi registi e attori tra cui Ingrid Thulin e Ileana Ghione.
Nel luglio 1995 riceve l’Oscar per la Musica in Biarritz per la musica del film “Petro, Gas e Fantasia”.
Ha fondato e diretto la prima orchestra da camera molisana “ Lualdi” e l’Orchestra della S. F. A. e ha diretto: l’Orchestra Juvenil Simon Bolivar di Caracas, la RSI della Radiotelevisione di Lugano, Arpeggione di Austria,Solti Georg di Budapest, da camera Bulgara, della Radiotelevisione Rumena, da Camera di Curitiba, “Spettro Sonoro” di Roma, l’Orchestra da Camera della Radio Nacional Argentina, l’Orchestra Sinfonica di Musica Argentina, l’Orchestra Giovanile Argentina e l’Orchestra Sinfonica di Mar del Plata (Argentina), ecc.

Nel 2008 ha realizzato una tournèe di concerti in Italia insieme a Martha Argerich e Nelson Goerner in omaggio al comune M° Vincenzo Scaramuzza.
Nel 2010 suona nella Salle Pleyel a Parigi e in Roma per l’Accademia di Sta Cecilia organizza due  Concerti Maraton di musica argentina dove Martha Argerich suona il suo Martulango per pf, bandoneon, violino e archi con Nestor Marconi, bandoneon e Rafael Gintoli,vl.
Esce nella primavera 2015 un nuovo CD live della Warner Classics del Progetto Argerich  con l’incisione della Creation du Monde per quintetto di Darius Milhaud
É uscito nel 2012 un cd registrato Live in Giappone insieme a Martha Argerich, Jury Bashmet ed altri prestigiosi musicisti in aiuto alle vittime di Fukushima “Musicians Chain of Hope”.
É professore invitato nella Musikhochschule di Karlsruhe ed ha insegnato nei Conservatori ed Università a Lausanne, Freiburg im Br, Mannheim, S.Cecilia, Tokio, Kytakyushu, Beppu, Rio de Janeiro, Sao Paulo, Belo Horizonte, Buenos Aires, Istambul.
È stato professore di Musica da camera presso l’Istituto di Alta Cultura “L. D’Annunzio” di Pescara.
Ha inciso per la Edi-Pan nel 1984 la prima mondiale dei “Drei Klavierstucke 1894” di A. Schoenberg ed ha fatto diversi dischi e cd per le case discografiche EMI,Warner Classics, Ricordi-Mistrel, Edi-Pan, Pentaphon Classics e Dante-LYS.
Ci sono articoli su Eduardo Hubert in diversi libri , saggi e tesi di Laurea e appare nel film Evenning talks with Martha Argerich.
————–

Alcuni degli Artisti con chi Hubert ha fatto musica Martha Argerich, Luis Bacalov, Jury Bashmet, Janos Balint, Ivry Gitlis, Gautier e Renaud Capouçon, Daniel Grosgurin, Michael Guttman, Gilda Buttà ,Jorge Bosso, Claudio Buccarella, Pedro I. Calderon, Aldo D’Amico, Wofgang Meyer, Gervase de Peyer, Pierre Pierlot, Alessandro De Luca ,Mark Drobinsky,Roberto Duarte, Nestor Eidler, Enrico Fagone ,Rafael Gintoli ,  Nestor Marconi, Juanjo Mossalini, Franco Petrachi , Giorgia Tomassi, Dora Schwarzberg, Nora Romanov-Schwarzberg, Akane Sakai, Sandor Vegh, G. Yasliçam, A Persichili, M Ancillotti, Marcella Crudeli ,S Bellante, V Mariozzi, D Ceccarosi, J. Logue, E. Morelembaum, P. De Ritis, Bernasconi, Fasolis, M. Grisanti, P. Vergari, Sestetto Stradivari di Sta Cecilia , Silesian quartett di Katowize,  ecc.